Incontro con lo Psicologo: cosa dire? - ODIPA Obiettivo Diagnosi e Intervento per l'Apprendimento

Vai ai contenuti

Menu principale:

Incontro con lo Psicologo: cosa dire?

Incontro con lo Psicologo: 

cosa dire al bambino?

 

Cosa puoi dire a tuo figlio prima di andare da uno specialista per iniziare una valutazione psicodiagnostica? 
Se ti è capitato di richiedere un appuntamento con uno psicologo o un neuropsichiatra infantile sono certa che ti sarai posto più di una volta questa domanda. 
 

Cerchiamo di capire cosa è opportuno dire, ma soprattutto non dire al bambino nel caso in cui come genitori siete in procinto di recarvi da uno specialista per intraprendere una valutazione neuropsicologica ai fini di diagnosi di Disturbo Specifico di Apprendimento (D.S.A.).

Come genitore poniti la domanda: se tu fossi chiamato a un appuntamento per una visita con uno specialista, cosa vorresti sapere? 

Punto numero 1 probabilmente vorresti sapere da chi vai, ovvero qualcosa in più sul professionista con il quale hai l’appuntamento;
Punto numero 2 probabilmente vorresti sapere cosa farai lì e per quanto tempo;
Punto numero 3 probabilmente vorresti sapere perché devi andare proprio da quel tipo di specialista e non da un altro. 

A questi tre punti potrai pertanto attenerti nella comunicazione con il tuo bambino. 

Un esercizio pratico per te genitore

Prova adesso a formulare tre risposte scritte a queste tre domande che troverai di seguito.

1) DA CHI ANDIAMO?
2) COSA FAREMO DALLO PSICOLOGO E PER QUANTO TEMPO?
3) PERCHE' ANDIAMO LI?

Prova mentre scrivi ad usare un linguaggio semplice e di facile comprensione per il bambino. 
Evita termini troppo tecnici o specialisti che potrebbero confondere il bambino che ti sta ascoltando.

Fatto? Bene adesso confronta le tue risposte con alcune proposte che troverai nel video di seguito.
In questo video troverai riportati degli esempi, spunti di riflessione, che hanno lo scopo di darti una linea guida orientatva di come puoi comunicare a tuo figlio il primo incontro in questo caso con lo Psicologo.



 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu