Discalculia - ODIPA Obiettivo Diagnosi e Intervento per l'Apprendimento

Vai ai contenuti

Menu principale:

Discalculia

La Discalculia

Impariamo le tabelline: 2x1=2; 2x2=4; 2x3=6;...Ora risolviamo l'operazione 3:4=? 
Il calcolo non si apprende come impariamo le tabelline. Per memorizzare le tabelline usiamo la nostra memoria fonologica (quel tipo di memoria che ci consente di ricordare i suoni mentre si legge), nel calcolo abbiamo bisogno di ricorrere a strategie di composizione e scomposizione in fattori, arrotondamenti alla decina, e così via.

La Discalculia
La Discalculia è uno dei Disturbi Specifici di Apprendimento che riguarda l’abilità di numero e di calcoloCome gli altri disturbi di apprendimento è un disturbo “evolutivo”. 
La Discalculia può essere diagnosticata alla fine della terza classe della scuola primaria.

Due Diversi profili di funzionamento
La ricerca scientifica ha evidenziato due diversi profili di Discalculia:
- una debolezza nella strutturazione cognitiva delle componenti di cognizione numerica, che si può definire "cecità del numero". Nello specifico è un deficit che si manifesta nel riconoscimento e nella comparazione di quantità semplici, nella difficoltà a distinguere maggiore da minore, e ad esempio a capire se 2 è maggiore o minore di 6. 
È una carenza di intelligenza numerica basale, ovvero di quelle operazioni cognitive che ci consentono di riconoscere ad “un primo sguardo” una quantità, "subitizing", nei meccanismi di quantificazione, comparazione, seriazione, strategie di calcolo a mente. 
“Si osserva cattivo funzionamento in aree cerebrali completamente diverse da quelle implicate nella dislessia. Fortunatamente la percentuale di bambini che ricevono una diagnosi di questo tipo è dello 0,2% circa” (cit. Daniela Lucangeli *)

- una debolezza nelle procedure esecutive (lettura, scrittura e messa in colonna dei numeri) ed il calcolo (recupero dei fatti numerici e algoritmi del calcolo scritto). Rientrano in questa categoria diagnostica i bambini che faticano ad incolonnare i numeri nello spazio del foglio, che sbagliano a leggere e scrivere i numeri, ad esempio il numero “6" scambiato con il "9”, che fanno fatica a ricordare a memoria le tabelline, ma anche fatti semplici, come 15+15, 50+50, e così via, e commettono degli errori nel risolvere le operazioni scritte, addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni.
"L’apprendimento del calcolo include dunque anche competenze di natura verbale, per esempio il lessico numerico (leggere e scrivere i numeri), il recupero di fatti numerici dalla memoria verbale, le procedure verbali di esecuzione" (*). 

Come facciamo a capire che si tratta di un DSA?
Parliamo di Disturbo specifico di Apprendimento quando si osserva che l’esercizio ripetuto nel tempo non migliora la prestazione. Questi bambini e ragazzi difatti, anche a seguito di numerosi recuperi, esercizi, attività costanti sui numeri e calcoli, fanno fatica ad automatizzarne le procedure.

Si può intervenire?
C’è da sottolineare tuttavia che tutti i disturbi di apprendimento possono migliorare, essendo disturbi evolutivi
"Molto dipende dall’intensità dalla loro intensità e dall’età in cui vengono individuati, nonché dalla "plasticità" cerebrale, incrementabile anche con la didattica oltre che con la riabilitazione funzionale. Per quanto riguarda i bambini con profilo di difficoltà e/o disturbo specifico del calcolo, la raccomandazione, condivisa da tutti i ricercatori e i clinici, è quella di individuare il tipo di intervento a partire dagli errori specifici, privilegiando così un lavoro personalizzato, mirato a potenziare le reali difficoltà del soggetto. 
Per questa ragione, tempistiche e strumenti da impiegare vengono stabiliti sulla base del profilo del singolo bambino, profilo emerso da un procedimento diagnostico accurato. 
La cosa importante è che ogni intervento sia costruito ad hoc per ogni singolo bambino. Infatti, non tutti i bambini con disturbo dell’apprendimento sono uguali: all’interno di ogni disturbo si possono identificare diversi sotto-profili sui quali si deve operare in maniera specifica. Solo in questo modo si possono ottenere dei miglioramenti » cit. Daniela Lucangeli (*).

*Daniela Lucangeli, Professoressa di Psicologia dello sviluppo presso l'Università degli Studi di Padova, è esperta di psicologia dell'apprendimento. È autrice di articoli di ricerca e di intervento nell'ambito dell'apprendimento matematico. È membro di associazioni scientifiche nazionali e internazionali nell'ambito della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento, e presidente nazionale CNIS (Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializzati.

 
Ricordiamo che:

Il calcolo è in sé un’operazione strategica che si può apprendere tramite strategie pertinenti, 
ma non attraverso procedure meccaniche!


 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu